GIORNALISTI: FNSI, C’E’ CLIMA DI AGGRESSIVITA’ CRESCENTE

GIORNALISTI: FNSI, C’E’ CLIMA DI AGGRESSIVITA’ CRESCENTE
 
(ANSA) – ROMA, 9 NOV – Con “l”intimidazione neofascista contro il giornalista del Tg3 Santo Della Volpe si chiude – dice la Federazione nazionale della stampa in una nota – la settimana che è cominciata con l’incursione squadristica nei locali Rai e le telefonate di minacce alla redazione di Chi l’ha visto?, e che è proseguita con lo striscione di avvertimento di Forza Nuova al direttore di Repubblica, Ezio Mauro. Tre episodi che fanno ben più di una prova: la prova di un clima – questo sì ansiogeno – nel quale si respira una aggressività  crescente nei confronti dell’informazione, da parte di gruppi di violenti che evidentemente percepiscono di poter agire senza troppi rischi in modo sempre più scoperto”. La Fnsi chiede “non solo che le istituzioni deputate a garantire la sicurezza dei cittadini (giornalisti inclusi) facciano per intero tutto ciò che è necessario. Serve anche che tutte le parti politiche facciano intendere chiaramente la loro più netta riprovazione verso questi atti, uscendo dal silenzio o dalla distrazione”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari