TLC

10 novembre 2008 | 0:00

TELECOM: AUMENTO CANONE, BERNABE’ INCONTRA CONSUMATORI

TELECOM: AUMENTO CANONE, BERNABE’ INCONTRA CONSUMATORI


RESTERA’ INVARIATO PER FAMIGLIE DISAGIATE CON SOCIAL CARD


(ANSA) – ROMA, 10 NOV – L’amministratore delegato di Telecom Italia Franco Bernabé ha incontrato oggi a Roma le Associazione dei Consumatori Acu, Adoc, Altroconsumo, Arco, Assoutenti, Casa del Consumatore, Cittadinanzattiva, Codici, Confconsumatori, Ctcu, Lega Consumatori e Movimento Consumatori per illustrare l’attuale situazione del Gruppo, alla luce dell’esame dei conti del terzo trimestre avvenuto venerdì scorso, e presentare le prossime novità  tra cui l’aumento del canone. L’incontro si inserisce nel nuovo filone di dialogo instaurato da Bernabé, che ha già  incontrato nei giorni scorsi Adiconsum, Adusbef, Federconsumatori, Movimento Difesa del Cittadino e Unione Nazionale Consumatori. In particolare Bernabé, secondo quanto si apprende, ha descritto dal punto di vista industriale l’importanza della richiesta fatta all’AGCOM circa l’adeguamento del canone residenziale e il conseguente impegno a migliorare la qualità  del servizio offerto ai clienti. Bernabé ha reso noto che l’incremento richiesto è di 1,26 euro al mese che porterebbe, a partire dal prossimo 1 febbraio 2009, il canone mensile dagli attuali 12,14 euro a 13,40 euro (iva esclusa). Bernabé ha ricordato che il canone residenziale è fermo dall’1 luglio del 2002, data dalla quale l’indice dei prezzi al consumo per le famiglie ha registrato un incremento del 14,6%, e che nonostante l’aumento il prezzo rimarrebbe al di sotto del valore medio a livello europeo, pari a 13,70 euro al mese. Telecom ha confermato che l’aumento del canone non sarà  applicato ai cittadini che versano in condizioni di maggiore disagio economico possessori della ‘social card’.