Editoria

11 novembre 2008 | 0:00

GIORNALISTI: A TRIESTE SCOPERTA TARGA A RICORDO 32 CADUTI

GIORNALISTI: A TRIESTE SCOPERTA TARGA A RICORDO 32 CADUTI
 
(ANSA) – TRIESTE, 11 NOV – Una targa in lingua italiana e slovena per ricordare 32 giornalisti italiani caduti nell’esercizio della professione dal Dopoguerra è stata scoperta oggi, a Trieste, nella sede dell’Associazione della Stampa e dell’Ordine dei Giornalisti del Friuli Venezia Giulia. La cerimonia si è svolta alla presenza del Presidente e del Segretario della FNSI (Federazione Nazionale della Stampa), Roberto Natale e Franco Siddi, in occasione delle iniziative per il primo secolo di vita della Fnsi (Federazione nazionale della stampa italiana). Si tratta di un segno di pacificazione – hanno spiegato Carlo Muscatello, presidente dell’Assostampa regionale, e Piero Villotta, presidente dell’Ordine – per ricordare chi ha speso la vita per la professione, da Mauro Rostagno a Maria Grazia Cutuli, ai triestini Marco Luchetta, Alessandro Ota e Dario D’Angelo, caduti il 28 gennaio 1994 a Mostar, in Bosnia-Erzegovina, e Almerigo Grilz, deceduto il 19 maggio 1987, in Mozambico. Abbiamo voluti ricordarli in lingua italiana e slovena – hanno aggiunto Muscatello e Villotta – perché desideriamo chiudere un capitolo che è stato segnato anche dalle polemiche. Vogliamo guardare a un futuro non facile, ma per il quale – hanno concluso – il sindacato e l’Ordine si impegneranno per i giornalisti che rappresentano.