Editoria

12 novembre 2008 | 0:00

GIORNALISTI: LA7; PRECARI, VERTENZA RISCHIA DI DANNEGGIARCI

GIORNALISTI: LA7; PRECARI, VERTENZA RISCHIA DI DANNEGGIARCI


(ANSA) – ROMA, 12 NOV – Nella vertenza che vede la redazione de La7 mobilitata contro l’ipotesi di licenziamento di 25 giornalisti, “l’evoluzione che ha assunto la protesta del comitato di redazione” delinea uno scenario basato sulla “difesa di una categoria a tutto discapito di altre figure professionali”: è la protesta di collaboratori e impiegati a scadenza (programmisti registi, consulenti a partita Iva) che, spiegano, “a parte poche star non sono pagati profumatamente”. “Si sostiene – sottolineano in una nota alcuni redattori e autori di Omnibus e Niente di personale – che i giornalisti minacciati di licenziamento potrebbero essere facilmente ‘ricollocati’ in questi posti, lasciando intendere che la cacciata dei collaboratori potrebbe, come d’incanto, rappresentare la panacea di tutti i mali”. In realtà  “la soluzione non può consistere nel dirottare lavoratori che richiedono un impiego fisso e garantito” su “posti di lavoro precari, senza alcuna tutela né rappresentanza sindacale, e privi di qualunque garanzia di prosecuzione della propria attività  nel tempo, fatta salva, ovviamente, la specifica professionalità  maturata sul campo nel corso degli anni, allo stato – concludono – unica nostra certezza”.