TV: CALABRO’, IN ITALIA INTRATTENIMENTO MOSTRA LA CORDA

TV: CALABRO’, IN ITALIA INTRATTENIMENTO MOSTRA LA CORDA


(ANSA) – ROMA, 18 NOV – I programmi di intrattenimento della televisione italiana, sia pubblica che privata, “mostrano la corda”, secondo il presidente dell’Agcom, Corrado Calabrò, il quale, pur ammettendo che “ci sono alcuni segnali positivi”, ha sottolineato a margine di un convegno sull’etica nei media, la crescente distanza tra la televisione italiana e le altre grandi emittenti europee. “La televisione italiana negli ultimi tempi – ha detto Calabrò – non ha fatto passi avanti, mentre gli altri li hanno fatti: la Bbc, ad esempio, sforna prodotti di alta qualità , che ora possiamo facilmente vedere anche qui da noi, e la tv francese offre approfondimenti e servizi”. Tuttavia, secondo il presidente dell’Agcom, il principale “problema di qualità ” è rappresentato dal settore dell’intrattenimento, a suo giudizio troppo condizionato dalle esigenze pubblicitarie. “Credo che tutte le televisioni debbano liberarsi dall’assillo dell’Auditel, che porta a voler allargare il più possibile il target dei telespettatori, senza preoccuparsi del loro arricchimento culturale, obiettivo che una televisione che vuole essere servizio pubblico non può escludere”. “Quando parlo di qualità  – ha infine precisato – non parlo di una televisione appiattita su delle banalità  ma moderna e viva”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi