RAI: VILLARI “RESTO PRESIDENTE, MASSIMA STIMA PER ZAVOLI”

RAI: VILLARI “RESTO PRESIDENTE, MASSIMA STIMA PER ZAVOLI”  
20/11/2008 – 17:48 – POLITICA



RAI: VILLARI “RESTO PRESIDENTE, MASSIMA STIMA PER ZAVOLI”
ROMA (ITALPRESS) – “Un errore di valutazione della situazione politica ha ridotto nel pantano politico l’elezione del presidente della commissione di Vigilanza, bloccandone l’attivita’ per 6 mesi e vanificando ben 46 votazioni. Un danno grave per gli italiani, privati dell’organo di garanzia sul servizio pubblico, danneggiati per l’assenza di un Cda della tv pubblica (pagata dai cittadini) che fosse nel pieno dei propri poteri, colpiti nelle garanzie di pluralismo”. Inizia cosi’ la lunga nota diffusa dal presidente della Commissione di Vigilanza della Rai Riccardo Villari al termine della seduta di oggi a Palazzo San Macuto con la quale ha annunciato la sua decisione di non dimettersi.
“Lo stallo durato settimane e settimane ha spinto la maggioranza a dichiarare pubblicamente che avrebbe cambiato strategia, partecipando al voto per far abbassare il quorum e rendere possibile l’elezione di un membro dell’opposizione – aggiunge Villari -. Questa pubblica dichiarazione e’ stata sottovalutata e non contrastata con alcun efficace disegno politico, facendo si’ che io fossi eletto presidente della commissione di Vigilanza.
Immediatamente dopo la nomina, a dispetto dell’alto ruolo di garanzia conferito, e’ iniziata all’indirizzo del presidente democraticamente eletto una lunga sequenza di pressioni, minacce e offese inaccettabili per chiunque e pericolose per un parlamentare che esercita il mandato affidato dal popolo”.
(ITALPRESS) – (SEGUE).
sat/com 20-Nov-08 17:48 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi