TLC:UE; VERSO TAGLIO TARIFFE SMS ESTERO,11 CENT ENTRO ESTATE

TLC:UE; VERSO TAGLIO TARIFFE SMS ESTERO,11 CENT ENTRO ESTATE
 
(ANSA) – BRUXELLES, 24 NOV – A partire dalla prossima estate gli sms inviati e ricevuti dall’estero potrebbero costare al massimo 11 centesimi per tutti i cittadini europei. E’ quanto decideranno i ministri delle Telecomunicazioni della Ue, che – riferiscono fonti della presidenza francese di turno della Ue – giovedì dovrebbero dare il via libera alla riduzione delle tariffe per i messaggini. Il provvedimento, parte del nuovo pacchetto di misure volte a ridurre il costo della telefonia mobile per i cittadini europei, dovrà  poi essere approvato dal Parlamento Ue per diventare operativo. Ma l’obiettivo è ottenere un accordo tra gli Stati membri e gli europarlamentari già  in prima lettura, prevista prima delle elezioni europee. Tale accordo permetterebbe il taglio delle tariffe ad un massimo di 11 centesimi di euro, iva esclusa, fin dall’estate 2009, contro una tariffa media europea che attualmente si aggira sui 29 centesimi, circa dieci volte di più che su una rete nazionale. Attualmente per un sms all’estero si va dai 6 centesimi dell’Estonia ai 60 centesimi del Belgio. Nel pacchetto che discuteranno i ministri vi è anche un limite alle tariffe per il ‘download’ dei dati via internet all’estero. Il prezzo di vendita al dettaglio rimarrà  libero per ora ma Bruxelles vuole imporre un limite di circa un euro per megabyte per la vendita all’ingrosso. I 27 intendono inoltre istituire una sorta di semaforo per i consumatori meno informati: gli operatori saranno obbligati ad avvisare i loro clienti una volta che la loro spesa avrà  raggiunto i 50 euro.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci