CINEMA: SEMPRE PIU’ VICINO SCIOPERO ATTORI DI HOLLYWOOD

CINEMA: SEMPRE PIU’ VICINO SCIOPERO ATTORI DI HOLLYWOOD


(ANSA) – LOS ANGELES, 24 NOV – Lo sciopero degli attori di Hollywood è sempre più vicino. Non è bastato l’intervento del mediatore federale, che non è riuscito a finalizzare le trattative tra il sindacato degli attori, la Screen Actors Guild, e l’Alliance of Motion Picture and Television Producers (ovvero l’Amptp, che rappresenta le major delle case di produzione). In caso di sciopero sono a rischio gli Academy Awards, i Golden Globe e la produzione di serie televisive e film destinati alla distribuzione nei primi mesi del 2010. La Sag e l’Amptp non sono arrivate a trovare un accordo per il rinnovo del contratto: le trattative, in corso ormai da oltre quattro mesi, sono saltate nel fine settimana. “Abbiamo già  fatto molti sacrifici e preso decisioni delicate. – ha dichiarato all’agenzia Reuters Juan Carlos Gonzales, il mediatore federale inviato da Washington – Ora è tempo che i membri della Sag restino uniti e l’Amptp deve impegnarsi a fare un’offerta seria. Altrimenti il rischio che gli attori di cinema e televisione si fermino è concreto”. Il comitato nazionale della SAG, considerato il fallimento delle trattative, ha avviato le procedure per un referendum: se almeno il 75 per cento dei membri voteranno a favore, lo sciopero si farà . Lo spauracchio di un nuovo stop, quindi, fa tremare Hollywood e si temono soprattutto danni per l’economia dell’industria cinematografica, già  duramente colpita dal precedente sciopero degli sceneggiatori, che avevano incrociato le braccia per cento giorni tra la fine del 2007 e il febbraio di quest’anno, causando danni all’economia di Los Angeles per circa tre miliardi di dollari. Gli attori stanno lottando per il rinnovo del contratto, scaduto il 30 giugno scorso, tuttavia i produttori non sembrano intenzionati a rinegoziare regole già  accettate da altri sindacati del settore. I motivi della rottura tra il sindacato degli attori e i produttori sono legati ai diritti di immagine e alla circolazione di materiale su internet.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo