TLC: VALDUCCI, NO OPERATORI A IMPEGNI TELECOM SU RETE

TLC: VALDUCCI, NO OPERATORI A IMPEGNI TELECOM SU RETE


(ANSA) – ROMA, 25 NOV – La commissione Trasporti e Telecomunicazioni della Camera voterà  oggi, o al più tardi domani, il documento conclusivo dell’indagine sulle telecomunicazioni. Ne emergerà , spiega a margine di Business international, il presidente della commissione, Mario Valducci, “che tutti gli operatori rispetto alle informazioni ricevute fino ad oggi, sono negativi rispetto agli impegni presi da Telecom per la separazione della rete. Ritengono questi impegni assolutamente inadeguati”. Valducci spiega che nel documento conclusivo si dice che “siamo pronti a cambiare la legge per dare più potere all’Autorità  delle Tlc, per arrivare a una vera separazione della rete, che vuol dire una completa e diversa gestione tra rete ed azienda. Tra i modelli indicati, molti hanno parlato di British Telecom, ma io – aggiunge il presidente – credo poco anche a quello, che però può essere un minimo punto di caduta”. In generale, sulla situazione di Telecom, Valducci spiega che “é un’azienda privata, quindi riteniamo in commissione, con ampia maggioranza, che per il futuro stesso della società  è utile definire una soluzione strategica innovativa, anche nuova rispetto allo scenario internazionale. Una nuova ipotesi che abbiamo tracciato, tra le diverse, è questa della separazione della rete, per la creazione di una società  delle reti, che però piace poco ai mercati finanziari perché non c’é nessun altro caso al mondo. Ma c’é sempre una prima volta. Non credo – conclude Valducci – si possa andare avanti con boccate d’ossigeno, che prevedono aumenti tariffari. E’ un galleggiamento che non aiuta il mercato”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci