Servizio di copertina – Antonio Campo Dall’Orto: I Grandi offriranno il triple play

L’articolo riprodotto su Primaonline.it è un estratto di quello pubblicato nel numero 372, Aprile 2007, di ‘Prima Comunicazione’

Campo Dall’Orto, tra l’altro, spiega quali sono gli obiettivi del Content Competence Center, la struttura di cui è stato recentemente nominato responsabile, alla quale farà  capo tutta la produzione di contenuti media del gruppo e la negoziazione dei diritti: oltre alla tivù in chiaro (La 7 e Mtv Italia), via satellite e sul digitale terrestre (in chiaro e a pagamento) anche della nascente ptv Alice Home Tv (la televisione via Internet), del sito Rosso Alice, dei contenuti media diffusi sulla rete mobile con tecnologia Dvbh grazie a un accordo con Mediaset.
“Pensiamo che in Italia ci sia un’occasione particolare, che nasce dall’analisi degli asset di Telecom, che altrove non c’蔝, afferma. “In Europa le tlc si stanno, tutte, integrando a monte. Ovvero si stanno ponendo il problema della distribuzione e della produzione dei contenuti. Questo dipende dalla moltiplicazione delle piattaforme a disposizione: digitale terrestre, ptv, satellite, mobile. In Spagna e in Francia hanno costruito delle business unit per andare in questa direzione. Ma è obiettivamente un processo difficile, perché si tratta di costruire competenze che nella struttura tradizionale delle tlc non ci sono mai state. In Telecom Italia, invece, questa opportunità  c’è e permette la costruzione di una catena del valore”.
“Facciamo tivù analogica”, aggiunge, “siamo nel digitale terrestre, sul satellite, nell’Iptv e nella tv mobile. Il Content Competence Center costruisce la complementarietà  di questa presenza diffusa. Fra un anno vedremo gli sviluppi tecnologici e di mercato”.
Come esempio pratico Campo Dall’Orto cita l’America’s cup di vela, di cui Telecom Italia Media ha acquisito i diritti: “La decliniamo su tutte le piattaforme: il cliente si può comprare tre ore di regate con la prepagata sul digitale terrestre; può vedersi la sintesi su Alice Home Tv, la nostra ptv; può seguire la competizione su La 7, in chiaro; vedersi il replay quando vuole, sempre su Alice e seguire quello che succede anche sul cellulare, grazie alla tecnologia Dvbh. Per ottenere tutta questa segmentazione, senza il Content Competence Center, avremmo dovuto negoziare per i diritti di ciascuna piattaforma. Con enorme fatica e costi maggiori. Invece abbiamo proposto e chiuso un pacchetto tutto compreso. E dal punto di vista produttivo abbiamo lavorato con grande integrazione e velocità , differenziando l’offerta. Quel che più conta è centralizzare la negoziazione dei diritti, più che la produzione. Il vantaggio sono le economie di scala ottenute grazie all’acquisizione dei diritti”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

L’edizione 2018 del ‘Grande Libro dello Sport e Comunicazione’ in edicola, allegata a ‘Prima’, e disponibile in digitale

Fatti del mese – Pagina 13 corretta

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’