Scelte del mese

17 dicembre 2008 | 0:00

Comunicazione e pubblicità  – Fiat. Ehi, vieni qui piccola!

L’articolo riprodotto su Primaonline.it è un estratto di quello pubblicato nel numero 369, Gennaio 2007, di ‘Prima Comunicazione’


È una operazione di fiducia dal basso che parte dal passato e che, però, scommette sui giovani. È l’idea che dentro uno dei simboli dell’Italia degli anni Sessanta e Settanta ci sia la chiave per riconquistare il futuro.
Dentro la spericolata operazione di marketing affettivo che la Fiat sta facendo intorno al lancio della nuova 500 del terzo millennio c’è il vecchio e c’è il nuovo. C’è una delle icone italiane della seconda metà  del Novecento – la vecchia 500 – e c’è la scelta di usarla per riconquistare alla Fiat la platea dei giovani: scommettendo su Internet come nessun’altro grande produttore di auto aveva mai fatto. Al punto che forse Fiat oserà  l’inosabile, almeno per l’Italia: la rinuncia a una campagna di spot televisivi.  E come si è già  ben capito dal mood della pubblicità  e della comunicazione dell’ultimo anno e mezzo, dietro l’operazione 500 c’è la personalità  di Sergio Marchionne e dei suoi boys: il responsabile del brand Fiat, Luca De Meo, e il responsabile marketing communication worldwide Giovanni Perosino.
Vedere per credere all’indirizzo Internet www.fiat500.com: nella home page ’500wantsyou’ la nuova 500 pulsa dentro un’ecografia accanto all’annuncio che fra nove mesi – il 15 settembre 2007 – vedrà  la luce, ovvero sarà  per strada.