Case editrici – Epolis. La nuova catena di quotidiani di Grauso

L’articolo riprodotto su Primaonline.it è un estratto di quello pubblicato nel numero 365, Setttembre 2006, di ‘Prima’


Con una struttura ridotta a niente, Niki Grauso lancia una inedita ‘free press’: un solo direttore per 15 edizioni, 120 giornalisti, 40 commentatori illustri. Sergio Juan, il grafico che ha inventato la fisionomia di tutte le testate, aveva ascoltato i suggerimenti di Grauso a bocca aperta adesso si può dire davvero forte: è tornato, Niki Grauso c’è, è vivo e lotta con noi. Per farlo capire a tutti quelli che negli ultimi due anni hanno alimentato l’ozioso dibattito – torna, non torna – ha scelto due palcoscenici di grande effetto, l’Auditorium della musica di Roma, madrina Serena Dandini, e la sala delle conferenze della Borsa di Milano, con Lella Costa. Cioè non due conferenze stampa normali, no, proprio due show, condotto quello di Milano da una Lella Costa al massimo della simpatia e, bisogna pur dirlo, della competenza editoriale. Niki Grauso è, senza dubbio alcuno, la personificazione più riuscita dell’intuizione di fondo della Scuola psicologica di Palo Alto, riassumibile nella capacità  di ‘change’: se cambi il punto di vista con cui guardi le cose, anche le cose cambiano. Così Grauso negli ultimi 30 anni ha guardato, dal suo ‘visionario’ punto di vista, oggetti vecchi come il mondo e ne ha tirato fuori una versione nuovissima, la prima radio libera, la prima televisione commerciale, il primo Internet provider italiano, la prima televisione commerciale dell’Est Europa.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’ è in edicola con ‘Prima Comunicazione’. La guida festeggia 30 anni e lancia il progetto W l’Italia

L’edizione 2018 del ‘Grande Libro dello Sport e Comunicazione’ in edicola, allegata a ‘Prima’, e disponibile in digitale