ANGELO PERFETTI – Da condirettore a direttore di ‘Nuovo Oggi’

(Prima Comunicazione – numero 351 – Maggio 2005) Fin da piccolo Angelo Perfetti sapeva bene quello che voleva fare nella vita. Che poi erano essenzialmente due cose: il giornalista e il cantautore. E fino alla prima età  giovanile le ha fatte entrambe. Dalle otto di mattina all’una del pomeriggio in sala incisione, dall’una a mezzanotte in redazione. “Arriva poi un momento in cui non ce la fai più e devi scegliere. Io ho scelto il giornalismo”.
Nato a Roma nel 1965, Perfetti ha iniziato a metà  degli anni Ottanta a scrivere di sport nel Corriere Laziale, allora un settimanale regionale. Intanto collaborava al Corriere dello Sport e a varie televisioni private. Due anni intensi di svezzamento in un mondo non tra i più facili che gli consentono di fare un salto e planare così al Tempo di Roma. A Piazza Colonna Perfetti inizia un lungo abusivato che gli fa accumulare notevole esperienza e molta stima da parte dei suoi superiori tanto da diventare (ma sempre da abusivo) il responsabile dei rapporti tra il quotidiano e la Provincia di Roma. Nel ’91 il Gruppo Ciarrapico gli offre la possibilità  di trasferirsi a Frosinone. È lì, a Ciociaria Oggi, che diventa praticante. A Frosinone rimane per quasi sette anni, al termine dei quali passa a un altro quotidiano del gruppo: Latina Oggi. Angelo Perfetti viene quindi nominato responsabile della redazione distaccata di Aprilia, raccoglie un notevole successo di vendite (da un centinaio di copie il giornale arriva a venderne un migliaio nel giro di un paio di anni) e questo costituisce per lui un ottimo viatico per altri e più importanti incarichi. Diventa così caporedattore di Ostia Oggi, un nuovo giornale sempre del Gruppo Ciarrapico, e quando la strategia editoriale prevede la costituzione a Ostia Antica di una redazione centrale per tutte le varie testate dell’area romana, lui ne diventa condirettore. Dal marzo scorso ne è nominato direttore guidando così le otto edizioni territoriali quotidiane del Lazio e del Molise.
Gusti: “La mia famiglia che adoro”.
Disgusti: “La stupidità  perché meno individuabile della falsità “.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Obama mette in guardia sull’uso irresponsabile dei social. Distorcono la capacità di capire questioni complesse, diffondendo false notizie, dice l’ex presidente Usa alla Bbc

Biscardi santo subito? Molti si dimenticano che è stato un diseducatore del calcio. Assolto in qualche modo da un processo per diffamazione

Technicis acquisisce il gruppo Arancho Doc