Televisione – RaiSat. Il genio italico

Sta prendendo forma l’offerta Rai per il digitale terrestre. Due nuovi canali saranno prodotti nei prossimi mesi da Raisat: uno sull’arte, la cultura e lo spettacolo; l’altro sul ‘made in Italy’ e la creatività  italiana in genere. Il primo canale – che recepisce molte delle suggestioni del progetto culturale elaborato dal consigliere della Rai Marcello Veneziani – ha il nome in codice ‘Arte Italia’ e si propone un duplice obiettivo: stabilire relazioni solide con le principali istituzioni culturali nazionali e offrire una programmazione di qualità  rispetto a generi che non trovano sufficiente spazio nei canali generalisti. In un’intervista al quotidiano romano Il Tempo, Veneziani ha annunciato che la programmazione del canale si avvarrà  di un comitato di saggi di cui faranno parte tre noti uomini di spettacolo: Renzo Arbore, Giulio Rapetti (Mogol) e Luciano Rispoli. Il canale sul ‘made in Italy’ – nome in codice ‘Genio Italia’ – sarà  dedicato anche alla promozione delle realtà  locali. Nelle intenzioni della Rai, questo canale dovrebbe vedere la collaborazione degli enti locali, a partire dalle Regioni che hanno competenza in materia di turismo, mostre e fiere, industria e artigianato e altro. Un canale di questo tipo potrebbe prestarsi anche alla sperimentazione di servizi innovativi come il t-commerce (l’acquisto via televisore di prodotti) e allargare il target della raccolta pubblicitaria alle piccole e medie aziende. La decisione di affidare a RaiSat la realizzazione dei contenuti dei due canali non sorprende, visto che il capo progetto del digitale terrestre della Rai, Carlo Sartori, è anche presidente di RaiSat e che la società  già  produce i canali satellitari della rete pubblica.

___________________
Nella foto,
Carlo Sartori

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

L’edizione 2018 del ‘Grande Libro dello Sport e Comunicazione’ in edicola, allegata a ‘Prima’, e disponibile in digitale

Fatti del mese – Pagina 13 corretta

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’