Personaggi – Ignazio La Russa. Autentico e furbo

“In Rai c’è sempre il desiderio di cambiare le cose appena iniziano a funzionare. E’ un errore. E’ per questo che mi sono permesso di invitare le forze politiche a considerare l’opportunità  di mantenere questo consiglio di amministrazione. Magari integrandolo”. Lo dichiara il deputato di Alleanza Nazionale Ignazio La Russa. “Questo consiglio”, continua il coordinatore nazionale di An, “ha vinto una prima battaglia nell’unica maniera possibile, cioè battendo la concorrenza negli ascolti. Se non l’avesse fatto, s’immagina le critiche? Già  all’inizio avevano detto che si stava facendo il gioco di Berlusconi. Certe cassandre sostenevano, addirittura, che c’era una volontaria sottomissione allo strapotere di Mediaset”.  Fatti i complimenti al vertice della Rai, La Russa nell’intervista spiega quale dovrebbe essere la vera vocazione della tivù pubblica: “Mi chiedo se l’unico obiettivo della Rai debba essere quello di battere la concorrenza sui numeri”, afferma. Non è forse anche giusto mettere in discussione gli ascolti per fare una televisione che sia più di servizio pubblico senza poi stracciarsi le vesti se, a conti fatti, la concorrenza ha più audience? Certo bisognerebbe unire i due aspetti. Il che non è affatto facile”. Infine, La Russa fa una proposta: “Se avessi la bacchetta magica e dovessi decidere agirei sui due cicli: durante il cosiddetto ‘periodo di garanzia’, quando si devono raggiungere certi livelli anche per impegni con gli inserzionisti pubblicitari, punterei prevalentemente sugli ascolti; nell’altro, sempre tenendo d’occhio l’audience, mi impegnerei per la qualità . Insomma, per garantirmi la sopravvivenza economica, per assicurarmi gli investimenti, ammetto che si badi per alcuni mesi – prevalentemente ma non esclusivamente – all’audience. A patto, però, che per il resto del tempo non si stia a farsi venire i brividi se non si è primi o si è staccati di un’incollatura dalla concorrenza, ma si sottolinei invece la necessità  di dare un servizio pubblico con programmi di qualità . Certamente ci possono essere idee migliori, ma credo che si capisca lo spirito della mia proposta”.

______________________
Nella foto, Ignazio La Russa

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

L’edizione 2018 del ‘Grande Libro dello Sport e Comunicazione’ in edicola, allegata a ‘Prima’, e disponibile in digitale

Fatti del mese – Pagina 13 corretta

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’