Scelte del mese

17 dicembre 2008 | 0:00

Comunicazione e pubblicità  – Wind. Un soffio di cambiamento

Wind dice addio ai testimonial. La nuova ‘brand policy’ della società  di telecomunicazioni presieduta da Tommaso Pompei, presentata ufficialmente il 12 aprile a Milano, prevede che d’ora in avanti si farà  a meno dei vari Fiorello, Ferilli, Greggio. Resterà  solo il figlio di Shonic, il simpatico border collie bianco e nero (che non è il testimonial meno pagato, precisano in azienda), protagonista del primo storico spot delle due cabine telefoniche: quella rossa dei concorrenti e quella verde di Infostrada. Ma anche quest’ultimo colore è destinato a sparire: sarà  infatti tutta blu e arancio la nuova comunicazione del gruppo Wind, in cui Infostrada è confluita la scorsa estate, portandosi in dote due marchi famosi come Libero (i servizi Internet) e Italia Online (il portale web). Anche a questo proposito ci sono novità : dopo una lunga discussione interna si è deciso che d’ora in poi il marchio Infostrada indicherà  la telefonia fissa e Wind quella mobile, mentre Libero identificherà  tutto il mondo Internet. In altre parole, Italia Online sparirà : solo il nome, ovviamente, non il portale, che è uno dei più visitati del nostro Paese. I tre marchi, inoltre, sono stati rinnovati dal punto di vista grafico: a ognuno è stato aggiunta l’onda blu con il puntino arancione che rappresenta la doppia vu di Wind, ideata da Annamaria Testa e da Paolo Rossetti. Dopo la quotazione in Borsa di Wind, questo elegante tratto grafico diverrà  il logo unico del gruppo. La nuova strategia d’immagine dell’azienda, messa a punto da Ettore Sforza, nuovo responsabile corporate image (vedi il profilo a pag. 131) e realizzata dall’agenzia Bgs D’Arcy, sotto la direzione creativa di Pasquale Barbella, prevede infatti che Wind segua l’esempio di marchi famosi come Nike o Lacoste, ormai universalmente identificati solo dai rispettivi simboli grafici: il ‘baffo’ e il coccodrillino. Nuovo è anche il claim ‘Comunicare in un soffio’, che esprime la filosofia di Wind nel rapporto con i consumatori. “La nostra vuole essere una comunicazione  centrata sulla leggerezza e la semplicità , tutto il contrario di quella urlata, aggressiva di altri gruppi”, spiega Paolo Mazzanti, responsabile relazioni esterne.


_____________________
Nella foto, Paolo Mazzanti