Scelte del mese

17 dicembre 2008 | 0:00

Sindacato – Fnsi. Tra garanzie e tutele

Paolo Serventi Longhi segretario, Franco Siddi presidente: a conti fatti non ci sono grandi novità  al vertice del sindacato dei giornalisti dopo i cinque giorni (dal 19 al 24 novembre) di congresso della Federazione nazionale della stampa a Montesilvano, a dieci minuti di taxi da Pescara. Molte sono invece le novità  tra gli 11 giornalisti scelti dai 116 nuovi consiglieri nazionali (il 50% sono volti nuovi) che faranno parte, insieme a Serventi Longhi – che, con un risultato non scontato è stato eletto al primo colpo dal congresso superando il quorum dei tre quinti – e a Siddi, della giunta esecutiva (l’elezione era prevista nell’ultima giornata del congresso, ma è stata rimandata per consentire a molti delegati di partecipare ai funerali della giornalista del Corriere della Sera Maria Grazia Cutuli, la cui vicenda è pesata fin dal primo giorno sul congresso, contribuendo a risvegliare un certo orgoglio per la professione). Il nuovo governo del sindacato è stato eletto il 13 dicembre e comprende: cinque giornalisti di Autonomia e solidarietà  (Gianni Rossi, Enrico Ferri, Federico Pirro, Roberto Seghetti, Guido Besana di Mediaset) e tre di Giornalisti uniti (Luigi Ronsisvalle, Franco Tropea, Giuseppe Nardi) le due correnti che hanno ottenuto la maggioranza dei due terzi in congresso. Gli altri tre posti, come previsto dal nuovo statuto della Fnsi, vanno alle minoranze e cioè Edmondo Rho (espressione dell’alleanza Quarto Potere-Punto a Capo), Paola Angelici e Maria Grazia Molinari (rappresentanti dell’intesa Stampa democratica-Stampa romana). Le squadre – A questo punto è bene decodificare che cosa c’è dietro la serie di slogan che danno nome alle varie correnti culturalpoliticoprofessionali a cui fanno riferimento i 306 delegati (280 giornalisti dipendenti) presenti al congresso della Fnsi. Ognuno, bene o male, vestiva la casacca delle liste di una delle correnti che compongono il sindacato.


__________________________
Nella foto, Paolo Serventi Longhi
, a sinistra, riconfermato segretario della Federazione nazionale della stampa, insieme al nuovo  presidente del sindacato, Franco Siddi.