Intervista a Lorenzo Pelicioli: L’uomo di Servizio

Ma cosa spinge un intellettuale come Rondolino, famiglia paterna colta, laurea in Germania, traduttore di Heinrich Bà¶ll e Joseph Roth, autore di Rizzoli ed Einaudi, a occuparsi delle incontenibili rogne dell’immagine di un uomo politico o di una società ? Cerchiamo di capirlo con questa intervista Del torinese ha l’educata freddezza, dell’ex comunista gli è rimasto un vago senso di colpa che spesso trasforma in aggressiva autorappresentazione, dell’ufficio stampa (sui generis) l’ubbidienza cieca e sacrificale al capo (che però può declinare anche in accoltellamento, chiedere a Occhetto) e la volpina abilità  di intortare il suo interlocutore per vendere meglio la merce, del giornalista colto il gusto a vagare senza imbarazzo da Hegel alle gattemosce televisive. Fabrizio Rondolino nel pieno dei suoi quarant’anni, da quando ha lasciato le stanze del potere politico, pare appena un poco più rotondo. Parla sottovoce obbligando chi gli sta di fronte a concentrarsi su di lui, su ogni sillaba che gli esce dalla bocca. Altro espediente, forse perfino involontario, per mettersi al centro dell’attenzione senza darlo a vedere. Dopo avere compilato con scrupolo le cronache parlamentari per L’Unità , dopo aver redatto i verbali che davano conto degli spostamenti del segretario del partito (ebbene sì, al giornale c’era pure uno che faceva il ‘resocontista del segretario’, roba che a raccontarla oggi uno passa per matto); dopo aver tentato (Dio solo sa quanto invano) di rendere digeribile Massimo D’Alema; dopo aver scatenato uno sciocco putiferio pubblicando un romanzo dove il massimo dell’erotismo riguardava un maschio frustrato che si faceva qualche pippa vagheggiando tette e culi; dopo avere acceso le cronache di tutti i quotidiani con l’avventura del ‘Grande Fratello’ di cui ha curato l’ufficio stampa, eccolo sdraiato su un divano del suo attico del quartiere Prati, zona umbertina che sa di commissariato e scuola, studio d’avvocato e negozio di camiciaio.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’ è in edicola con ‘Prima Comunicazione’. La guida festeggia 30 anni e lancia il progetto W l’Italia

L’edizione 2018 del ‘Grande Libro dello Sport e Comunicazione’ in edicola, allegata a ‘Prima’, e disponibile in digitale

Fatti del mese – Pagina 13 corretta