RAI: CANONE; CODACONS, RICORSO A TAR CONTRO AUMENTO

RAI: CANONE; CODACONS, RICORSO A TAR CONTRO AUMENTO


(ANSA) – ROMA, 18 DIC – “E’ pessima la decisione del governo di aumentare il canone Rai di 1,5 euro rispetto allo scorso anno, decisione contro la quale il Codacons presenterà  ricorso al Tar chiedendo l’annullamento del provvedimento”. Lo annuncia una nota del Codacons. “Si tratta, infatti, di un tradimento di quanto promesso nelle conferenze stampa di presentazione del decreto anticrisi appena varato, nelle quali il Governo proclamava di voler bloccare tutti gli aumenti automatici”, sostiene il Codacons per il quale “é evidente, infatti, che se si vogliono rilanciare i consumi occorre che le famiglie vengano sgravate almeno per due anni da tutti gli aumenti automatici che subiscono, dalle tariffe dell’acqua escluse dal decreto anticrisi, alle autostrade (solo sospesi fino al 30 aprile), dal canone Rai al canone Telecom”. “Non è possibile, infatti, che stipendi e pensioni non siano mai indicizzati all’inflazione mentre tutto il resto si. Piuttosto ci domandiamo che cosa aspetti il Governo ed in particolare il Ministro dell’economia e delle finanze a fare il decreto attuativo dell’art. 1, comma 132, della Legge 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) che stabiliva che le persone di età  pari o superiore a 75 anni con reddito proprio o del coniuge non superiore a 516,46 euro per tredici mensilità , potevano non pagare il canone Rai. Aspettano che arrivi il 31 gennaio? Il Codacons chiede, anzi, di estendere l’abolizione del canone Rai a tutti quelli che hanno diritto al bonus famiglia, ossia agli 8 milioni di italiani più poveri”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi