Radio

18 dicembre 2008 | 0:00

AUDIRADIO: DOMANI CDA SU NUOVA INDAGINE,NO DI ‘RADIO E RETI’

AUDIRADIO: DOMANI CDA SU NUOVA INDAGINE,NO DI ‘RADIO E RETI’


(ANSA) – ROMA, 18 DIC – Domani il consiglio di amministrazione di Audiradio deciderà  se aggiungere o meno a quella attuale per interviste telefoniche anche una nuova tipologia di ricerca sugli ascolti radiofonici per “diari”. Radio e Reti, concessionaria di pubblicità  delle reti nazionali RadioItalia solomusicaitaliana, Radio Kiss Kiss e delle principali emittenti italiane di area, comunica la sua decisione – condivisa con gli editori – di non aderire all’ ‘Indagine Diari’. Ma il presidente Audiradio Felice Lioy sostiene che “si tratta soltanto di lavori in corso per fare eventualmente una nuova indagine. Alcuni sono favorevoli, altri contrari, ben venga la valutazione dialettica. Tutto questo sarà  oggetto di analisi domani mattina del Cda di Audiradio. Poi decideremo”. La ricerca integrativa, secondo Radio e Reti, “utilizza un campione troppo limitato per essere rappresentativo della popolazione italiana e che costa più della ricerca di base”. La ricerca che da gennaio 2009 dovrebbe integrare l’attuale indagine telefonica sull’ascolto della radio in Italia “abbiamo discusso a lungo ma alla fine ci siamo fermati davanti ai numeri: 3000 casi non sono sufficienti a rappresentare, su alcuni focus target e su alcune fasce orarie, né le grandi reti nazionali, né, tanto meno, le emittenti di area – spiega Massimo Soleri, direttore commerciale della concessionaria – e non si giustificano 3,5 milioni di euro per una ricerca su 3000 casi nel semestre, contro i 120 mila casi annuali dell’attuale indagine telefonica che costa poco più di 2 milioni di euro”. La decisione della concessionaria arriva a poche ore dalla scadenza dei termini di iscrizione, fissata per oggi. “La nostra è la richiesta di una sospensione per riaprire il tavolo tecnico e trovare soluzioni condivise, nell’interesse prima di tutto del mercato pubblicitario per cui questa ricerca è stata progettata”, conclude Soleri.