Televisione

18 dicembre 2008 | 0:00

TV:DEL NOCE,FUTURO INCERTO,INTANTO RAIUNO RINGIOVANISCE

TV:DEL NOCE,FUTURO INCERTO,INTANTO RAIUNO RINGIOVANISCE
BONOLIS FARA’ SANREMO AGGRESSIVO, AD APRILE TORNA CELENTANO
 
(ANSA) – ROMA, 18 DIC – Fabrizio Del Noce, direttore Raiuno e Rai Fiction, non avrebbe immaginato “neppure nei sogni più fantasiosi” di trovarsi alla guida dell’ammiraglia Rai e da qualche tempo anche di Rai Fiction, veleggiando verso il settimo anno di direzione. “Il mio futuro é incerto. Ci sarà  un nuovo consiglio e una ristrutturazione aziendale e io sono molto sereno. Terrò una delle due direzioni? Nessuna? Altro incarico? Confesso – ha detto ad un incontro con la stampa oggi a Viale Mazzini – che se finisse così sarei contento lo stesso, dopo 7 anni meravigliosi, creativi, intensi”. Chiudendo “con ottimismo” l’anno, per aver vinto con Raiuno entrambe le garanzie pubblicitarie, Del Noce punta dritto al nuovo obiettivo: “rinnovamento e ringiovanimento”. Già  si è cominciato, con Tutti pazzi per amore ad esempio, la fiction che ha un target medio di 50 anni, molto più giovane del tradizionale target di rete, e si proseguirà  con nuovi programmi di intrattenimento per i prossimi due mesi: a cominciare da due novità  testate quest’estate, Ciak si canta con Eleonora Daniele conduttrice e Incredibile con Veronica Maya. Poi arriveranno Ti lascio una canzone con cui tornerà  in tv Antonella Clerici dopo la maternità , Ballando con le stelle con Milly Carlucci in onda a gennaio e I Raccomandati di Carlo Conti. Per l’intrattenimento si attende “con fiducia” il Sanremo targato Paolo Bonolis, “che prepara un’edizione aggressiva” e sulla quale tutta la Rai, dopo l’esperienza dello scorso anno (ascolti in crisi pur in un’edizione di riconosciuta qualità  ndr) guarda con grande attenzione per via dell’investimento importante. E ad aprile, o quando vorrà  lui, il clou: il ritorno di Adriano Celentano, “per me l’evento è lui, il più grande artista della tv italiana, che nonostante i 71 anni fa restare la gente a casa a seguirlo, giovani compresi. I dissapori si sono stemperati, è tornata invece l’amicizia antica, ora c’é piena disponibilità  teorica al suo ritorno”. Per la nuova stagione l’intrattenimento, insieme alla fiction resterà  colonna portante di Raiuno, “assente il cinema perché arriva in tv spremuto come un limone dalle uscite in sala, dvd e pay tv e anche il calcio. Sono contento – ha detto Del Noce che aveva accanto Max Gusberti per la fiction e il fedele Angelo Teodoli per la rete – che la Rai abbia ripreso i diritti della Champions League ma la competizione comincia ad essere appetibile solo nelle fasi di eliminazione diretta. Quest’anno su Raidue è andata bene, ma su Raiuno sarebbe stata insufficiente”. Raiuno non sta lavorando al ritorno di Portobello, i cui diritti sono stati recentemente ceduti dalla famiglia Tortora alla vedova di Corrado, la produttrice Marina Donati. “Si rischierebbe di rovinare – ha ribadito Del Noce – un marchio storico e glorioso della Rai. Enzo Tortora come un Abramo della tv ha dato origine con quella trasmissione a tanti altri programmi, riproporre l’originario sarebbe presuntuoso e rischioso”. Del Noce in quanto direttore di Rai Fiction ha molto da dire sul settore: “la fiction è cresciuta, persino troppo: 115 prime time che aumenteranno ancora nel 2009 di 13 serate. Qualche piccolo problema c’é stato bisogna ammetterlo: la nuova linea è meno fiction in costume, più seriali lunghi, poche miniserie e quelle poche devono essere un evento atteso; bisogna avere il coraggio di non insistere su cose giunte al capolinea e soprattutto la fiction deve essere più di quello che non è uno specchio della realtà ”, ha proseguito Del Noce senza voler fare i titoli in questione.