RAI: AIART, AD AUMENTO CANONE NON CORRISPONDE AUMENTO QUALITA’

RAI: AIART, AD AUMENTO CANONE NON CORRISPONDE AUMENTO QUALITA’


(ASCA) – Roma, 18 dic – ”E’ vero che l’aumento del canone e’ quantitativamente modesto, ma comunque non corrisponde a una crescita della qualita’. Dunque anche 1.5 euro in piu’ per noi sono troppi”. Lo afferma il presidente dell’Aiart (Associazione Spettatori Onlus) Luca Borgomeo. ”Il canone e’ percepito come una tassa odiosa proprio perche’ il servizio pubblico si e’ andato sempre piu’ omologando alle tv commerciali – continua Borgomeo – La qualita’ non puo’ essere scissa dal contributo che si chiede ai cittadini”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi