RAI: DEL NOCE, MEGLIO DIREZIONE UNICA PER RAIUNO E RAI FICTION

RAI: DEL NOCE, MEGLIO DIREZIONE UNICA PER RAIUNO E RAI FICTION
 
(AGI) – Roma, 18 dic. – L’ideale sarebbe avere “una direzione unica tra Raiuno e Rai Fiction, occorre sinergia tra le due. Farle marciare separate non penso che sia proficuo, guardando al prodotto che si vuole realizzare e proporre”. Lo ha detto, e auspicato, Fabrizio Del Noce, direttore ad interim della rete ammiraglia e dai primi di agosto direttore anche della fiction Rai, uno dei piu’ formidabili asset dell’azienda di viale Mazzini. Nella conferenza stampa di fine anno, presenti anche i vicedirettori Angelo Teodoli (Raiuno) e Max Gusberti (Rai Fiction), oltre a capistruttura della rete ammiraglia (Raveggi, De Andreis) e responsabili dell’area fiction, Del Noce ha sostenuto che la direzione della fiction sommata a quella della rete e’ qualcosa di ‘editorialmente giusto’ perche’ “Rai Fiction produce principalmente per Raiuno, e avere una sinergia e’ certamente un bene”. Tra lui, quando era unicamente a Raiuno, e Agostino Sacca’, il precedente direttore di Rai Fiction, non e’ che le cose andassero bene, “non andavamo d’accordo, avevamo idee diverse ed era difficile convivere. Questo ovviamente a prescindere dalle grandi capacita’ di Sacca’ nella conduzione del settore, qui si parla solo di fondere insieme i due aspetti”. E adesso invece “sto sperimentando personalmente che e’ piu’ facile considerare rete e fiction poiche’ il lavoro e’ concentrato nella stessa persona. E’ come avere – ha spiegato Del Noce – un puzzle che si deve comporre e per il quale ho la possibilita’ di scegliere tutti gli elementi del puzzle”. Dunque un accorpamento dei due ruoli nella stessa figura o direzione e’ – per Del Noce – “situazione ideale dal punto di vista editoriale”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi