GIORNALISTI: STAMPA ROMANA, TI MEDIA DICA SE VUOLE CONFRONTO

 
POL:GIORNALISTI
2008-12-19 17:00
GIORNALISTI: STAMPA ROMANA, TI MEDIA DICA SE VUOLE CONFRONTO
(V. ‘GIORNALISTI: CDR LA7, AZIENDA VIOLA…’ DELLE 14:11
ROMA
(ANSA) – ROMA, 19 DIC – “A che gioco sta giocando Telecom Italia Media spa?”: se lo chiede Paolo Butturini, segretario dell’Associazione stampa romana, dopo la protesta del cdr de La7 contro l’azienda che ha deciso di trasmettere sul web il prepartita di Sampdoria-Siviglia di Coppa Uefa senza comunicarlo alla rappresentanza sindacale. “Ci saremmo aspettati che, dopo l’incontro al ministero del Lavoro del 15 dicembre scorso – afferma Butturini in una nota – l’azienda desse seguito all’impegno di trovare soluzioni concordate con il comitato di redazione per evitare i licenziamenti e razionalizzare l’organizzazione del lavoro. Invece, i vertici aziendali non hanno trovato niente di meglio che violare l’articolo 34 omettendo di comunicare alla rappresentanza sindacale una nuova iniziativa editoriale”, che “investe proprio quella multimedialità  che il sindacato ha più volte indicato come via d’uscita della crisi”. “Quel che vorremmo sapere, se possibile in modo definitivo – continua Butturini – è se l’amministratore delegato Giovanni Stella ha seriamente intenzione di perseguire la strada del confronto e della ricerca di soluzioni concordate, se ha a cuore le sorti dell’emittente, se pensa che l’alta professionalità  dei suoi giornalisti vada esaltata e impiegata correttamente”. Da parte sua il sindacato “di fronte al gioco al massacro farà  valere tutti gli strumenti a sua disposizione per tutelare il lavoro giornalistico e la dignità  dei colleghi”. (ANSA).
COM-MAJ/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari