Telecom/ Telefonica, Linares: Piano industriale “molto buono”

Telecom/ Telefonica, Linares: Piano industriale “molto buono”


“Tim Brasil non in vendita, Hansenet ed Etecsa non sul tavolo”


Madrid, 19 dic. (Apcom) – Il piano industriale di Telecom Italia, presentato due settimane fa dall’amministratore delegato Franco Bernabé a Londra, è “molto buono”. Lo ha affermato oggi l’amministratore delegato di Telefonica, Julio Linares, a margine di un incontro pubblico sul futuro delle telecomunicazioni in Spagna e in Europa.


“Ci sembra molto buono – ha detto Linares – molto di più di quello precedente, siamo molto soddisfatti”. Il numero due di Telefonica, che detiene indirettamente il 10,4% del capitale di Telecom, ha detto di apprezzare anche la soluzione di Open Access per la rete di Telecom Italia. “Open Access è una soluzione intelligente e immaginativa”, ha detto Linares a margine dell’incontro, “ed è una buona soluzione per le esigenze specifiche del paese”.


La multinazionale spagnola prevede anche di muoversi con cautela nei prossimi mesi sul fronte delle acquisizioni all’estero: durante il suo intervento al “Forum Sociedad en la Red” Linares ha definito il Brasile “un mercato importante”. L’ad ha anche aggiunto che per ora la compagnia spagnola non ha notato una riduzione dell’attività  in America Latina come effetto della crisi economica mondiale: Telefonica ottiene il 38% dei suoi ricavi sul mercato latinoamericano.


L’ad di Telefonica ha ricordato l’interesse del suo gruppo per Vivo, l’operatore di telefonia mobile brasiliano di cui controlla già  la metà  del capitale: tuttavia Portugal Telecom, che controlla l’altra metà  “non intende venderla”, ha ricordato Linares, e “quando uno non vuole vendere, l’altro non può comprare”. Discorso simile per Tim Brasil: “Non è in vendita – ha detto il dirigente di Telefonica – e la stessa Telecom Italia nell’ultimo piano strategico mette il focus su due mercati esteri, di cui uno è appunto il Brasile”.


Linares ha ammesso che Cuba è un mercato “attualmente piccolo ma con un potenziale molto grande”, e alle domande sul possibile interesse per Etecsa (di cui Telecom Italia possiede il 27%), ha risposto: “Questo tipo di disinvestimento in Telecom Italia non è ancora sul tavolo per il momento e quindi non c’è questa opzione”. E Linares ha descritto una situazione analoga anche per la Germania, rispetto alle ipotesi di interesse per la controllata di Telecom Italia, Hansenet: “Non si è aperto un processo né una decisione di vendita di questo attivo, quindi non è sul tavolo”. L’ad spagnolo ha comunque ammesso: “Vogliamo accrescere progressivamente la nostra presenza in Germania, e potremmo effettivamente ipotizzare l’acquisto di alcune piccole compagnie”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci