TLC

20 dicembre 2008 | 0:00

TELECOM: ANTITRUST,OK IMPEGNI SU ISTRUTTORIA VOCE E INTERNET

TELECOM: ANTITRUST,OK IMPEGNI SU ISTRUTTORIA VOCE E INTERNET


(ANSA) – ROMA, 20 DIC – Telecom Italia limiterà  la sua attività  di recupero della clientela passata ad altro operatore. E’ questo l’impegno principale presentato dal gruppo e accettato dall’Antitrust, nell’ambito dell’istruttoria aperta dall’Autorità  per abuso di posizione dominante nel mercato della telefonia vocale e Internet a banda larga, tramite strategie volte al “recupero o al mantenimento della clientela”. Fra le altre iniziative, si legge in una nota dell’Antitrust, Telecom si impegna perché “le liste di clienti da contattare saranno verificate da una società  terza indipendente per garantire che la divisione commerciale non utilizzi dati in possesso della divisione rete/wholesale”. Allo stesso tempo, “sarà  istituito un numero verde a disposizione della clientela per segnalare offerte aggressive da parte degli agenti”. In questo modo vengono “accettati e resi vincolanti gli impegni presentati dalla società  per chiudere, senza accertamento dell’infrazione, l’istruttoria avviata per possibile abuso di posizione dominante”. L’istruttoria è stata aperta dall’Autorità  il 24 ottobre dello scorso anno dopo una serie di denunce presentate da Fastweb e da Wind, che lamentavano una aggressiva politica commerciale messa in atto da Telecom in maniera selettiva nei confronti della clientela passata o in fase di passaggio alla concorrenza, ed attuata attraverso lo sfruttamento del patrimonio informativo privilegiato detenuto da Telecom in qualità  di storico proprietario della rete. Il gruppo ha presentato lo scorso 11 febbraio i suoi primi impegni, che hanno poi passato il vaglio dei soggetti interessati che hanno espresso le relative osservazioni. Secondo l’Autorità , “gli impegni presentati da Telecom Italia, rafforzati nel corso del procedimento, sono idonei a creare un contesto maggiormente competitivo e a rimuovere i profili anticoncorrenziali contestati nel provvedimento di avvio, eliminando i rischi di uno sfruttamento abusivo del patrimonio di dati detenuti dalla società  in qualità  di proprietaria della rete telefonica pubblica”. In particolare, nell’ambito delle attività  di recupero della clientela passata ad altro operatore o in fase di cambio, Telecom “non attiverà  servizi a clienti che nei precedenti quattro mesi siano passati ad operatori concorrenti, fatte salve le richieste spontanee e non sollecitate provenienti dalla clientela”. In questo modo, spiega la nota, la società  limiterà  in maniera significativa le attività  di recupero della clientela, riducendo il fenomeno della perdita dei clienti da parte dei concorrenti nel periodo immediatamente successivo all’attivazione dei servizi di telefonia e dati. Telecom si impegna inoltre “a rendere disponibili a tutti le proprie promozioni commerciali, senza discriminare tra clienti propri e clienti di altri operatori”, in modo da evitare che l’operatore in posizione dominante promuova offerte selettive rivolte ai propri clienti in transizione o già  migrati ad altri operatori. Allo stesso tempo, Telecom manterrà  identici meccanismi premianti sia per l’acquisizione di clienti di altri operatori sia per l’attivazione di nuovi impianti, e rafforzerà  il divieto di denigrazione di operatori concorrenti. Verrà  inoltre istituito un numero verde al quale i clienti potranno inviare segnalazioni sulla ricezione di chiamate indesiderate, moleste o aggressive da parte degli agenti della società . E dovrà  essere dato riscontro entro 30 giorni.