Tar del Lazio giudica pubblicità  ingannevole l’informazione giornalistica che promuove beni o servizi

Tar del Lazio – L’informazione giornalistica con la finalità  di promuovere un bene o un servizio costituisce pubblicità  ingannevole. Il Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio ha così respinto il ricorso della Arnoldo Mondadori Editore s.p.a. e della Mediolanum Vita s.p.a. contro l’Autorità  Garante della Concorrenza e del Mercato che, ritenendo ingannevole un opuscolo, sponsorizzato dalla Mediolanum, su prodotti assicurativi allegato dalla società  editrice ad un suo periodico, ne aveva proibito la diffusione. 3 novembre 2003

Tar del Lazio giudica pubblicità  ingannevole l’informazione giornalistica che promuove beni o servizi (.rtf 26 kb)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il 40% del valore della pubblicità mondiale è digitale. Zenith: quest’anno +13,7%

Le linee broadband di rete fissa raggiungono i 16,4 milioni di unità. Mentre si vendono poco più di 3 milioni di quotidiani in Italia (-11%). E trascorriamo più di un’intera giornata al mese su Facebook

La televisione è il mezzo più convincente quando si tratta di pubblicità. Più della stampa e dei social network. I millennials sono la generazione più facile da persuadere (INFOGRAFICHE)