Borsino dei direttori

22 dicembre 2008 | 13:14

da redattore a direttore di ‘American Superbasket’

La rivoluzione in tutta l’area basket decisa dall’editore Cantelli (vedi ‘Borsino’ di Claudio Limardi) con la conclusione della direzione Montorro porta Roberto Gotta alla direzione di American Superbasket, l’unico quindicinale di basket americano esistente in Italia, in edicola dal 1992.
Gotta, 44 anni, torinese di nascita e bolognese d’adozione dove vive dai tre anni, ha studiato storia medievale fino a due esami dalla laurea. Da ragazzo gioca a football americano e su questo tema comincia a collaborare con Radio Nettuno Onda Libera di Bologna, e da lì passa alla redazione del periodico sportivo Bologna Oggi. Fa poi tivù a Rete7 a Bologna dal ’90 al ’93 e nel tempo libero comincia a collaborare con Giganti del Basket, che dal ’92 si era trasferito da Milano nel capoluogo emiliano. Il 1° ottobre 1993 è assunto praticante e quindi segue la storia della casa editrice anche quando viene acquistata dall’editore del concorrente Superbasket, e dal febbraio ’94 diventa redattore e spesso inviato di American Superbasket. È seconda voce della Rai per le telecronache del football americano Nfl. Collabora con Il Giornale, con il Guerin Sportivo per il calcio inglese e con il sito Soccernet.com per il calcio italiano. È autore di quattro libri fra cui una biografia di Michael Jordan e una storia del calcio a Londra.
“L’attualità  per un quindicinale è persa”, dice Gotta, che insieme a Stefano Benzoni, con lui in redazione, punta ad aumentare il numero dei contributi esterni con maggior attenzione ai personaggi e alle storie ben raccontate, “qualcosa che anche il più esperto navigatore di Internet non sappia”.