Editoria

30 dicembre 2008 | 0:00

Azerbaigian/ Via dall’etere Radio Liberty, Voice of America, Bbc

Azerbaigian/ Via dall’etere Radio Liberty, Voice of America, Bbc
Accuse al presidente Aliev: repressione a libertà  di stampa


Roma, 30 dic. (Apcom-Nuova Europa) – Il Consiglio nazionale azero della televisione e della radio ha preso la decisione di mettere fuori dall’etere dal primo gennaio 2009 le stazioni radio straniere, a partire da Radio Liberty, Voice of America, Bbc ed Europe Plus. Lo scrive oggi l’agenzia di stampa Interfax.


La decisione segue un trend iniziato nel 2007, quando l’istituzione ha deciso di cominciare a limitare le frequenze nazionali destinate ai network stranieri.


All’inizio del 2008 il consiglio aveva già  preavvertito le televisioni e le radio straniere che sarebbero state messe fuori dall’etere. Ha inoltre consigliato le emittenti di passare via cavo o via satellite.


Radio Free Europe/Radio Liberty, che in Azerbaigian opera col marchio Radio Azadliq, ha scritto nel suo sito internet che, secondo gli osservatori, la decisione rappresenta un’ulteriore prova che nel paese del Caspio sia in corso una dinamica repressiva nei confronti della libertà  di stampa.


L’emittente ha inoltre ricordato come dal 2007 Baku ha registrato il triste record di essere il paese della regione che ha imprigionato più giornalisti.


Il blocco alle emittenti radio straniere viene mentre si prepara il referendum di marzo, che deciderà  sulla possibilità  di eliminare il limite massimo di numeri di mandati per il presidente. L’attuale capo dello stato Ilham Aliev, se dovesse passare il referendum, potrebbe essere eletto per un numero indefinito di mandati. Attualmente è al secondo.