TLC

02 gennaio 2009 | 0:00

TELECOM: OK IN BORSA (+2,6%), OCCHI SU GERMANIA E ARGENTINA

TELECOM: OK IN BORSA (+2,6%), OCCHI SU GERMANIA E ARGENTINA
DAI MINIMI DI OTTOBRE IL TITOLO HA GUADAGNATO IL 57%


(ANSA) – MILANO, 2 GEN – Prosegue lenta e inesorabile la ripresa di Telecom Italia a Piazza Affari. Il titolo ha chiuso la prima seduta dell’anno in rialzo del 2,61% a 1,18 euro: una soglia che non vedeva dalla fine del luglio scorso e che rappresenta un apprezzamento del 57,3% rispetto ai minimi di 0,75 euro ad azione toccati all’inizio dello scorso ottobre. A favore della buona intonazione del titolo non sono estranee le indiscrezioni di stampa relative alla cessione della controllata tedesca Hansenet per la quale si sarebbe già  fatta avanti Telefonica. “Se ci fosse la possibilità  di procedere a una cessione ben fatta tanto meglio” commenta un operatore che sottolinea comunque come il punto di svolta per Telecom sia venuto con “l’ultima trimestrale che ha dimostrato la capacità  della società  di tenere a livello di fatturato, margini e market share”. Ma con l’arrivo di gennaio si apre un altro fronte caldo per la società . Da ieri è infatti esercitabile l’opzione di acquisto sul 50% di Sofora, la holding di controllo di Telecom Argentina, non ancora in mano al gruppo italiano. Secondo indiscrezioni apparse sulla stampa sudamericana (ma Telecom al momento sostiene di non aver ricevuto alcuna comunicazione ufficiale), l’autorità  antitrust argentina avrebbe intimato al gruppo di tlc, che ha sempre detto di volersi muovere in accordo con le autorità  del Paese, di non procedere all’esercizio dell’opzione senza la sua autorizzazione. L’attenzione della Commissione è focalizzato sulla posizione di Telefonica, uno dei grandi soci di Telecom, e già  attiva in Argentina con la controllata Telefonica de Argentina.