EDITORIA: FRANCIA, 90 RACCOMANDAZIONI E MISURE ‘URGENTI’ CONTRO LA CRISI

EDITORIA: FRANCIA, 90 RACCOMANDAZIONI E MISURE ‘URGENTI’ CONTRO LA CRISI


(ASCA-AFP) – Parigi, 8 gen – Novanta raccomandazioni, tra cui una controversa proposta di riforma dell’Iva applicata al settore dell’editoria e tre misure urgenti per superare la crisi. Questo il contenuto del documento elaborato dai gruppi di lavoro, nati nell’ambito degli Stati generali della carta stampata, presentato al ministro della Cultura e della Comunicazione, Christine Albanel. Tali raccomandazioni, sintetizzate in un ‘Libro Verde’ ”non pregiudicano le decisioni del governo che avranno una loro influenza nelle prossime settimane”, ha detto il ministro. Se la maggior parte delle raccomandazioni sono strutturali, altre sono state presentate come ”misure d’urgenza” per superare ”tutti i pericoli che nel 2009 la carta stampata dovra’ affrontare”, ha spiegato Bernard Spitz, funzionario con delega alla coordinazione degli Stati generali voluti dal presidente francese Nicolas Sarkozy. Fra queste misure, Spitz ha proposto una moratoria di uno degli accordi tra stampa e Poste che prevede un ampio aumento delle tariffe postali per il prossimo anno. Il costo di questa moratoria sarebbe del valore di 12 milioni di euro. Tra le raccomandazioni presentate nel Libro Verde ce n’e’ una che prevede di riservare l’Iva ‘super-ridotta’ del 2,1%, di cui beneficiano attualmente tutti i giornali, ai soli giornali che si occupano d’informazione politica e generica. Mentre la stampa di intrattenimento vedra’ l’Iva innalzata al 5,5%. Queste modifiche, secondo il Libro Verde, permetteranno di svincolare 100 milioni di euro per finanziare le proposte degli Stati generali. 
 
 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari