INTERNET: GOVERNO GB, DA MARZO E-MAIL REGISTRATE PER UN ANNO

INTERNET: GOVERNO GB, DA MARZO E-MAIL REGISTRATE PER UN ANNO
I GESTORI OBBLIGATI AD ARCHIVIARE I DATI, E’ POLEMICA


(ANSA) – LONDRA, 09 GEN – E’ polemica in Gran Bretagna per una nuova legge che obbligherà , dal prossimo marzo, tutti i gestori di servizi internet a registrare per un anno ogni email mandata e ricevuto nel Regno Unito. Una misura, dicono i critici, costosa e insufficiente a combattere la minaccia terrorista – che, al contrario, porrebbe seri vincoli alle libertà  civili. “Quello che ci preoccupa è cosa accadrà  dopo”, ha detto Shami Chakrabarti, direttore di Liberty, la principale associazione britannica per la difesa dei diritti civili. “Il governo – ha proseguito – sta già  elaborando piani per creare un cervellone centrale dove concentrare tutte queste informazioni. Noi, semplicemente, crediamo che nessun governo o organizzazione debba possedere tutti quei dati sensibili sui cittadini”. Il ministero dell’Interno, dal canto suo, sostiene che tale misura sia essenziale per combattere crimini e terrorismo e che la privacy degli utenti verrà  comunque rispettata visto che il contenuto delle mail non sarà  registrato. “Servirà  – ha specificato un portavoce del ministero – agli investigatori per identificare i sospetti, esaminare le loro relazioni interpersonali, stabilire connessioni tra i cospiratori e contestualizzarli, sia nello spazio che nel tempo”. Eppure anche gli esperti d’informatica storcono il naso al progetto. Il dottor Richard Clayton, ricercatore informatico alla università  di Cambridge, crede che i soldi avrebbero potuto essere spesi meglio. Registrare ogni mail spedita o ricevuta significa infatti archiviare “anche lo spam”. “Avrei preferito – nota Clayton – vedere più poliziotti impiegati nelle sezioni online della polizia”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti