RAI: BELTRANDI, SEMPRE PIU’ PARLAMENTARI CONTRO REVOCA VILLARI

RAI: BELTRANDI, SEMPRE PIU’ PARLAMENTARI CONTRO REVOCA VILLARI


(AGI) – Roma, 9 gen. – “Finalmente in tanti parlamentari, un po’ da ogni parte, sono tornati a valorizzare il ruolo, l’importanza e le garanzie che devono circondare le alte cariche istituzionali, soprattutto se riguardano organi come la commissione di vigilanza sulla Rai. Mi sento meno solo, come Radicale, ad affrontare il problema della inamovibilita’ di Villari, Villari e’ inamovibile in termini di diritto e di precedenti parlamentari”. Lo dice il deputato Radicale del Pd Marco Beltrandi con riferimento alle dichiarazioni rilasciate oggi da Leoluca Orlando che, pur esprimendo un giudizio politico severissimo su Riccardo Villari, si e’ detto pero’ molto dubbioso sulla possibilita’ di rimuoverlo dalla presidenza della Vigilanza Rai come ipotizzato dalla giunta del regolamento del Senato. “Sarebbe grave e pericoloso che bastasse l’espulsione dal gruppo parlamentare per decadere da una carica istituzionale -dice Beltrandi – Mi auguro che il 13 gennaio, quando si riunira’ la giunta per il regolamento di Palazzo Madama, l’iniziativa messa in moto dal presidente del Senato, sospinto dal Pd, abbia termine perche’ e’ una vicenda che ferisce le istituzioni. Voglio pero’ sottolineare anche un altro aspetto che riguarda la commissione di vigilanza e che e’ altrettanto importante, quello della sua funzionalita’. Al momento non e’ ancora pienamente assicurata, mentre si accumulano i ritardi sulle cose che si dovevano gia’ fare arrivano le emergenze, per esempio siamo gia’ in ritardo per le elezioni sarde che si terranno il 15 e 16 febbraio. Davvero invito i membri della commissione e anche il presidente a fare ogni sforzo perche’ si recuperi tutto cio’ che si e’ perso e perche’ ci sia anche spazio per le attivita’ di indirizzo e controllo della commissione”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi