Liberazione/ Sansonetti: Mi cacciano, sinistra torna a Breznev

Liberazione/ Sansonetti: Mi cacciano, sinistra torna a Breznev


Sit-in pro-direttore sotto la sede di Prc


Roma, 12 gen. (Apcom) – E’ in corso un sit-in sotto la sede di Rifondazione comunista, per protestare contro la decisione del partito di rimuovere il direttore di ‘Liberazione’, Piero Sansonetti. La direzione del Prc, convocata oggi alle 14, dovrà  votare sulla proposta della segreteria di sostituire Sansonetti con il sindacalista Cgil Dino Greco.


Presente alla manifestazione, il direttore uscente commenta: “Non so cosa succederà  da domani, ma la nostra battaglia è stata un bell’episodio di resistenza. La sinistra, che ha subito la più dura sconfitta della sua storia, è allo sbando sul versante riformista e su quello radicale si chiude in una ricerca di identità  che non si capisce a cosa possa portare: forse troverà  Breznev o Stalin”.


Per l’ex segretario di Rifondazione, Franco Giordano, “si chiude un capitolo importante nella vita del giornale e nelle modalità  di vita del partito: se vanno fino in fondo con la rimozione di Sansonetti, io e una parte importante del gruppo dirigente abbiamo deciso di dimetterci dalla direzione del partito”.
Secondo Giordano, tuttavia, quella sulla scissione dell’area bertinottiana dal partito, “è una discussione che si verificherà  più avanti: io ho chiarito quali sono per noi le condizioni per restare”.


Quanto al nuovo direttore designato dalla segreteria del partito Dino Greco, “è un bravo sindacalista – commenta Giordano – ma non capisco cosa c’entri con la direzione del giornale. E comunque le modalità  con cui viene designato sono figlie di una cultura del movimento operaio che pensavo sepolta”.
 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari