TLC:FITCH,SEPARAZIONE FUNZIONALE NO UNICA VIA COMPETITIVITA’

TLC:FITCH,SEPARAZIONE FUNZIONALE NO UNICA VIA COMPETITIVITA’


(ANSA) – MILANO, 13 GEN – La separazione funzionale “non è l’unica via per garantire una dinamica competizione in tutti i mercati delle telecomunicazioni” ed “é improbabile che impatti sul rating dei gruppi monopolistici in Europa”. E’ il giudizio di Fitch, l’agenzia di rating, che si esprime sul tema prendendo spunto dall’annuncio fatto in dicembre da Uke, il regolatore per le tlc in Polonia sulla separazione in due divisioni delle attività  della telefonia fissa (retail da una parte e gestione della rete e wholesale dall’altra) di Telekomunikacja Polska. Fitch ricorda che sulla stessa strada si è mossa l’Italia (sempre in dicembre l’Agcom ha approvato gli impegni presi da Telecom Italia con Open Access) e che il modello a cui tutti si riferiscono è quello inglese l’Openreach di Bt “largamente usato per esemplificare i benefici della separazione funzionale”. L’agenzia di rating ritiene però che “non sia possibile concludere che questa azione regolatoria sia l’unica via” per aumentare la competitività  e che “altre esperienze europee hanno dimostrato che una forte crescita degli operatori alternativi può essere raggiunta senza la necessità  di una separazione funzionale” come in Francia e in Germania.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci