CINEMA: HUPPERT, PORTERO’ MIA CURIOSITA’ AL FESTIVAL DI CANNES

CINEMA: HUPPERT, PORTERO’ MIA CURIOSITA’ AL FESTIVAL DI CANNES


(AGI) – Roma, 16 gen. – “A Cannes saro’ una presidente della giuria eclettica, curiosa, aperta. Saro’ come sono anche nella mia vita professionale”. Isabelle Huppert, a Roma per presentare con la regista Ursula Meier “Home”, in uscita il 23 gennaio, sintetizza la sua ‘mission’ alla presidenza della giuria del festival cinematografico francese. “Non posso certo dire fin da ora che genere di film potrei scegliere – aggiunge – anche perche’ Cannes e’ il luogo piu’ aperto a tutte le cinematografie che esista al mondo”. L’attrice transalpina non ama comunque distinguere in generi o categorie perche’ e’ un tema “delicato”. “Questo vale per tutti in generi, anche per il cosiddetto cinema d’autore – spiega -. E’ sbagliato distinguere tra questo e quello commerciale: non sta scritto da nessuna parte che un film d’autore non possa fare un buon incasso e piacere al pubblico. Il caso del vostro Federico Fellini mi pare emblematico: era un grande autore, vincitore di quattro premi Oscar ed era molto amato dal pubblico”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo