Tv/Romani: 5 multiplex a disposizione nuovi entranti su digitale

Tv/Romani: 5 multiplex a disposizione nuovi entranti su digitale
Questa proposta a Ue per chiudere contenzioso su settore

Roma, 21 gen. (Apcom) – Al termine del passaggio dalla tv analogica a quella digitale in Italia ci saranno cinque multiplex (ciascuna con 5-6 canali) a disposizione dei nuovi entranti nel settore televisivo. E’ quanto ha annunciato il sottosegretario alle Comunicazioni, Paolo Romani, al termine della IV conferenza nazionale organizzata da Dgtvi.

Il sottosegretario ha sottolineato come questa previsione sarà  contenuta nell’accordo che l’Italia dovrebbe raggiungere con l’Unione europea per chiudere la procedura di infrazione attualmente in atto nei confronti del nostro Paese in materia televisiva. Romani ha spiegato inoltre che i multiplex saranno assegnati “tramite una gara le cui modalità  saranno definite dall’Authority per le comunicazioni d’intesa con il ministero”.
L’assegnazione avverrà  a livello regionale.

“Naturalmente bisognerà  che l’Europa concordi sulle nostre proposte – ha sottolineato Romani – ma lo sapremo nelle prossime 2-3 settimane, quando dovranno risponderci positivamente o aprire definitivamente la procedura di infrazione. Noi ce l’abbiamo messa tutta rispondendo a tutte le osservazioni formulate sulla nostra normativa e cercando di conciliare l’ingresso di nuovi entranti con i diritti degli incumbent che hanno investito nel corso di questi anni”.

I cinque multiplex sarebbero comunque un notevole incremento dello spazio a disposizione dei nuovi entranti rispetto a quanto avvenuto in Sardegna, prima Regione all digital televisiva, dove il dividendo digitale del passaggio alla nuova tecnologia era stato solo di due multiplex.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi