Cinema/ Venezia, Leone d’oro a Lasseter e a registi Disney-Pixar

Cinema/ Venezia, Leone d’oro a Lasseter e a registi Disney-Pixar
Il premio alla carriera sarà  consegnato durante Mostra al Lido

Roma, 26 gen. (Apcom) – Il Leone d’oro alla carriera della 66esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, che si svolgerà  al Lido dal 2 al 12 settembre, è stato attribuito al regista e produttore statunitense John Lasseter e ai registi della Disney-Pixar. Eccezionalmente nella storia della Mostra il premio celebra non solo la personalità  di un cineasta, che è tra i protagonisti dell’innovazione del cinema d’animazione contemporaneo, ma anche il contributo di tutti i registi di questo studio visionario, la “bottega” di Lasseter.
Il Leone d`oro alla carriera, attribuito dal cda della Biennale di Venezia presieduto da Paolo Baratta e su proposta del direttore Marco Mà¼ller, sarà  consegnato al regista durante una speciale cerimonia nella Sala Grande del Palazzo del Cinema durante il festival, alla presenza di alcuni dei suoi più vecchi e stretti complici, i registi Disney-Pixar Brad Bird, Pete Docter, Andrew Stanton e Lee Unkrich.

Lasseter è chief creative officer della Walt Disney e dei Pixar Animation Studios, e principal creative advisor della Walt Disney Imagineering. Ha vinto due Oscar, per “Toy Story” e “Tin Toy”, miglior cortometraggio, e sovrintende a tutti i film e progetti associati della Pixar e Disney. Ha diretto film particolarmente amati dal pubblico come “Bug’s Life” e “Toy Story 2” ed è stato produttore esecutivo di “Monsters & Co.”, “Alla ricerca di Nemo”, “Gli incredibili”), “Ratatouille” e di “WALL-E”. Nel 2006 è poi tornato alla regia con il film “Cars”.

“John Lasseter è il protagonista dell’animazione ‘occidentale’ contemporanea” – ha dichiarato Mà¼ller – “da sempre alla ricerca del punto di fuga dove l’avanguardia (artistica, tecnologica e formale) incontra il blockbuster, autore di film magnifici, non ha solo contribuito in modo fondamentale a riposizionare il cinema d’animazione come una delle grandi forze espressive del nuovo millennio, ma è diventato uno dei simboli della tradizione preziosa, vitale e inventiva del grande cinema hollywoodiano”.
“Siamo particolarmente lieti di premiare col Leone alla carriera uno dei grandi innovatori e sperimentatori di Hollywood – ha aggiunto il presidente della Biennale Paolo Baratta – riteniamo che la sua presenza a Venezia, insieme ai registi Disney-Pixar, possa rappresentare una straordinaria occasione per loro di incontrare i giovani animatori italiani ed europei, in un workshop organizzato con la Biennale”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo