Editoria

27 gennaio 2009 | 18:28

INTERCETTAZIONI: FNSI, NO CANCELLAZIONE CRONACA GIUDIZIARIA

 
POL:INTERCETTAZIONI
2009-01-27 16:10
INTERCETTAZIONI: FNSI, NO CANCELLAZIONE CRONACA GIUDIZIARIA
ROMA
(ANSA) – ROMA, 27 GEN – “Il confronto ripreso in queste ore sul ‘ddl intercettazioni’ non può diventare motivo di cancellazione della cronaca giudiziaria, né dell’introduzione di improprie limitazione al diritto dei cittadini all’informazione su come procedono le inchieste e sui loro contenuti”. Lo scrive la Federazione nazionale della stampa italiana in una nota. “Immaginare di punire, di volta in volta, con pesanti sanzioni, i giornalisti o gli editori – aggiunge la Fnsi – equivale ad una invocazione del delitto di omissione che non trova alcuna giustificazione nei Paesi in cui la stampa libera contraddistingue i caratteri dei sistemi democratici. Gli anticorpi agli eventuali orrori di stampa esistono e se gli strumenti attuativi non funzionano al meglio, occorre semmai correggere questi e non introdurre bavagli ingiustificati. Le notizie di rilevanza penale e comunque di pubblico interesse, se conosciute da un giornalista, debbono essere pubblicate: lo impone la legge e l’etica professionale, lo richiede il buon senso. Con specifico riferimento alle intercettazioni va osservato che, quelle legittime, sono disposte dalla magistratura e quando finiscono in atti giudiziari diventano atti pubblici. Il segreto deve essere limitato nel tempo. Ma il pubblico interesse all’informazione (come dimostrano molti casi di giustizia lenta, insufficiente e talvolta ingiusta) non può essere negato sui fatti e le circostanze di rilevanza civile. Questo principio – conclude il sindacato dei giornalisti – è di valore assoluto e innegabile, come ha sentenziato la Corte di Giustizia Europea”. (ANSA).
STF/ S0A QBXB

Comments are closed.