REPLY: ACCORDO PER ACQUISIZIONE CENTRO MOTOROLA DI TORINO

REPLY: ACCORDO PER ACQUISIZIONE CENTRO MOTOROLA DI TORINO

MILANO (ITALPRESS) – Reply ha raggiunto un accordo per l’acquisizione del centro di ricerca Motorola di Torino.
Il Gruppo Reply, sulla base delle competenze presenti dara’ vita a Torino ad un centro di ricerca e sviluppo nell’ambito del Machine to Machine (M2M), un insieme di tecnologie hardware e software mirate allo scambio di informazioni e all’interazione fra device in rete, volte ad automatizzare processi mission critical.
Il futuro centro di ricerca Reply avra’ l’obiettivo di costituire una piattaforma di servizi, device e middleware sulla quale basare applicazioni verticali specifiche, quali, ad esempio, infomobilita’, logistica avanzata, sicurezza ambientale, contactless payment e tracciabilita’ dei prodotti. La Regione Piemonte finanziera’ per un massimo di 10 milioni a fondo perduto il centro ricerche Reply per attivita’ di ricerca e sviluppo; a questo si aggiunge un finanziamento del ministero dello Sviluppo Economico, gestito dalla Regione Piemonte, fino ad un massimo di 15 milioni. Nei dettagli, l’operazione consiste nell’acquisizione a una cifra simbolica del ramo d’azienda Motorola da parte di Reply. Attualmente il centro di ricerca Motorola conta 339 dipendenti, 20,6 milioni di cassa e 3 milioni di altri asset. Per quanto riguarda i dipendenti e’ stato raggiunto un accordo, siglato dalle rappresentanze sindacali, che prevede la permanenza nel nuovo centro di ricerca Reply di 180 dipendenti degli attuali 339. Per i restanti e’ previsto un piano di mobilita’, con l’impegno da parte degli Enti Locali nel supportarli nel loro ricollocamento professionale.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti