RAI: MAZZA (TG2), MODERATI SONO IN MINORANZA IN AZIENDA

 
POL:RAI
2009-01-29 16:28
RAI: MAZZA (TG2), MODERATI SONO IN MINORANZA IN AZIENDA
ROMA
(ANSA) – ROMA, 29 GEN – “Ho la consapevolezza di essere in minoranza in questa azienda, nella quale i direttori che si definiscono moderati vengono tacciati di essere lottizzati. Altri, chiamati ai vertici di testate Rai nelle stagioni governate dal centrosinistra, sembra vengano da Marte: alieni atterrati a Saxa Rubra per impartire lezioni di televisione e professionalità “. Lo dice il direttore del Tg2 Mauro Mazza in una lunga intervista pubblicata sul numero di febbraio del mensile free presse Pocket. “Per quelli di destra – aggiunge Mazza – è sempre stato più difficile fare i giornalisti, non solo in Rai. Qualcosa è cambiato dall’avvento di Berlusconi, ma l’ipoteca della sinistra sull’informazione, come sull’istruzione e la magistratura, è ancora forte. L’80% dei giornalisti sono di sinistra”. Mazza parla anche del ‘suo Tg2 (”Rivendico un record in Rai: sono l’unico direttore moderato a non aver mai subito un voto di sfiducia”), della concorrenza (“Se la Rai, di fronte a Mediaset, avesse scelto la purezza editoriale, avrebbe ascolti irrisori”), del rapporto dell’azienda con la politica, che “ha certo prodotto distorsioni, ma ricordo che l’editore Rai è il Parlamento, eletto dai cittadini ogni cinque anni. Questa per me – afferma – è garanzia di controllo democratico. Così mi tengo stretto il rapporto con l’editore Parlamento, facendo attenzione all’eccesso di condizionamento. Guardo con allarme a ogni ipotesi di cessione a privati: non saprei a quali interessi dare ragione”. Infine, una stoccata per Santoro: “E’ eccessivo: mi ricorda Christof, il personaggio che tirava i fili del Truman Show”. (ANSA).
COM-MAJ/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi