EURISPES: TRE ITALIANI SU DIECI NEL POPOLO DI FACEBOOK

EURISPES: TRE ITALIANI SU DIECI NEL POPOLO DI FACEBOOK

(ANSA) – ROMA, 30 GEN – Tre italiani su dieci, giovani o giovanissimi (tra 25-34 e 18-24 anni), residenti nell’Italia centrale, che usano il social network per ritrovare vecchi amici e passare il tempo: è l’identikit del popolo di Facebook tracciato dall’Eurispes. Secondo l’istituto di ricerca, gli italiani privilegiano ancora la tv per tenersi informati, ma ne giudicano l’offerta superficiale e diseducativa. SOCIAL, QUINDI SONO – Il 38,1% degli italiani non è iscritto a Facebook, ma il 30,7% usa questa forma di comunicazione, mentre il 31,2% non conosce il significato del termine. Gli utenti hanno prevalentemente 25-34 e 18-24 anni (il 53,7% e il 52,7%) e risiedono nelle regioni centrali (39,3%), mentre tra i non iscritti spiccano gli abitanti del Nord Est (49,5%) e non sono informati sul fenomeno gli abitanti delle Isole (48,7%). Il 63,1% degli italiani ritiene Facebook utile per ritrovare vecchi amici (63,1%), soprattutto i giovanissimi tra 18 e 24 anni (72,1%), convinti che serva anche per passare il tempo (49,6%), ma non per stringere nuove amicizie (56,6%). Il 47,9%, tuttavia, crede che la privacy sia a rischio: più affascinati dalle potenzialità  che preoccupati per i pericoli sono i 18-24enni (51,9%), seguiti dai 35-44enni (44,7%); di parere opposto gli over 65 (54%), i 25-34enni (53,5%) e i 45-64enni (42,8%). PER LE NEWS VINCE IL PICCOLO SCHERMO – Il 43,4% degli italiani utilizza la tv per tenersi informato; più bassa la percentuale di chi usa i quotidiani cartacei (26,7%) e on line (19,1%); meno significativa la tendenza a seguire le news via radio (7,9%) o free press (2,4%). Sono soprattutto i 45-64enni ad aggiornarsi con i quotidiani cartacei (33,1%) o la radio (10,8%), mentre gli over 65 preferiscono la tv (57,2%). A leggere i quotidiani on line, invece, sono soprattutto i 24-34enni (30,1%) e i 18-24enni (29,5%), le stesse fasce che usano maggiormente la free press (3,3% e 3,4%). LA TV? SUPERFICIALE E DISEDUCATIVA – Metà  degli italiani (49.5%) giudica l’offerta tv superficiale, il 22.5% diseducativa e il 9.3% volgare. Pochi la ritengono in linea con i propri interessi (7.1%), utile alla conoscenza (3.9%) o divertente (3.8%). A bocciarla sono in particolare i giovani (24% tra i 18-24enni, 53.7% tra i 25-34enni); tra i pochi che promuovono la tv spiccano i 45-64enni (il 3.9% la considera divertente) e gli over 65 (il 9.4% la giudica interessante, il 7.8% formativa), ma tra questi ultimi il 15% bolla l’offerta come volgare.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti