LIBANO: STAMPA, IL DAILY STAR DA LUNEDI’ TORNERA’ IN EDICOLA

LIBANO: STAMPA, IL DAILY STAR DA LUNEDI’ TORNERA’ IN EDICOLA

(ANSA) – BEIRUT, 30 GEN – Dopo oltre due settimane di assenza dalle edicole a causa di fallimento, lunedì prossimo tornerà  a esser diffuso l’unico quotidiano in inglese del Libano, “The Daily Star”. Lo annuncia oggi la stampa di Beirut. Il quotidiano an-Nahar ha precisato che la corte d’appello di Beirut ha deciso di sospendere il provvedimento di chiusura forzata del giornale in inglese, dopo che è stata depositata una cauzione di 800.000 dollari. Il 14 gennaio scorso alla direzione del quotidiano era stato notificato l’avviso del provvedimento di chiusura forzata a causa di fallimento. La decisione era stata presa dal tribunale di primo grado, dopo che una banca creditrice del giornale, la britannica Standard Chartered, aveva fatto causa all’editore e direttore responsabile Jamil Mroue. Dopo la chiusura, quest’ultimo è però ricorso in appello. Fondato nel 1952, il Daily Star è stato per anni uno dei quotidiani di punta del Libano, diretto dal suo fondatore Kamel Mroue, assassinato nel 1966. Già  in passato il giornale è stato costretto a chiudere: nel 1977, a causa della guerra civile (1975-90) e fino al 1983; dal 1986 al 1995, quando è infine tornato nelle edicole sotto la direzione di Jamil Mroue, figlio di Kamil.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari