SPAGNA: GUERRA TRA TV CON FINTO VIDEO INSULTI, POLEMICHE

EST:SPAGNA
2009-02-03 16:42
SPAGNA: GUERRA TRA TV CON FINTO VIDEO INSULTI, POLEMICHE
MADRID
(ANSA) – MADRID, 3 FEB – E’ polemica in Spagna per un falso video messo in circolazione da una rete televisiva con l’intento di gettare discredito su una emittente concorrente, nel quale si vede José Miguel Monzon – detto ‘El Gran Wyoming’, noto presentatore del programma ‘El Intermedio’ del canale privato La Sexta – insultare una stagista. Gli stessi giornalisti del programma umoristico hanno inviato il montaggio ‘truccato’ ad un canale concorrente, Intereconomà­a Tv, come se si trattasse di una ‘fuga di notizie’ pensata da qualche dipendente scontento per le vessazioni subite. Il programma ‘Mas se perdio en Cuba’ di Intereconomà­a TV, in costante polemica con ‘El Intermedio’, è caduto nella trappola e lo ha messo in onda il 31 gennaio, come una sua “esclusiva”, denunciando il comportamento del rivale, senza però controllare l’autenticità  della registrazione. Il video è stato messo anche su You Tube e ha ricevuto già  250 mila visite. Il giorno dopo però ‘El Intermedio’ ha mandato in onda il montaggio intero, dove alla fine appare la presunta stagista con un cartello con la scritta “Vi abbiamo fregato”. Il presidente dell’Associazione della Stampa di Madrid ha bollato come “deplorevole” la mossa, ed ha sottolineato come “l’utilizzo dell’inganno” serva solo a “togliere prestigio” al giornalismo. Mentre il quotidiano El Pais oggi apre un sondaggio fra i suoi lettori chiedendo loro: “E’ giusto mentire solo per ridicolizzare l’avversario?”.(ANSA).
RED-CEF/ S0B ST1 S91 QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi