Televisione

03 febbraio 2009 | 18:59

RAI: VIGILANZA; DOMANI TORNA A RIUNIRSI PER ELEGGERE ZAVOLI

POL:RAI
2009-02-03 17:27
RAI: VIGILANZA; DOMANI TORNA A RIUNIRSI PER ELEGGERE ZAVOLI
ROMA
(ANSA) – ROMA, 3 FEB – Domani la Commissione di Vigilanza Rai tornerà  a riunirsi nella sua nuova composizione, dopo lo stop e lo scioglimento per le dimissioni di 37 su 40 dei suoi componenti, per eleggere il presidente Sergio Zavoli. Il senatore del Pd attende da metà  dello scorso novembre, dopo un accordo bipartisan tra le forze politiche, di essere eletto. Doveva prendere il posto di Riccardo Villari, come lui senatore del Pd ma poi espulso dal partito perché ha rifiutato di dimettersi dopo l’elezione a presidente della bicamerale con 21 voti della maggioranza e 2 dell’opposizione. Domani alle 14:00 a San Macuto ci saranno tutti meno i due rappresentanti dell’Italia dei Valori, per mettere nell’urna il voto con il nome di Zavoli. Per l’elezione del presidente alla prima votazione sono sufficienti 27 voti, quindi se c’é l’accordo tra i due schieramenti è facile ipotizzare che si abbia Zavoli presidente al primo voto, forse all’unanimità  dei 22 componenti della maggioranza e 18 dell’opposizione. Sicuramente assenti però i due componenti dell’Idv – Donadi e Belisario – nomiti dai presidenti delle Camere che però hanno annunciato che non andranno. Si passerà  quindi direttamente domani all’elezione anche dell’ufficio di presidenza con la conferma di quello uscente per quanto riguarda i vicepresidenti: Giorgio Lainati del Pdl e Giorgio Merlo del Pd. Tornano in commissione infatti quasi tutti i componenti di quella uscente tranne: Villari che è stato sostituito da Mauro Ceruti; Vincenzo Fasano al posto di Adriana Poli Bortone del Pdl che esce; mentre fra i leghisti Marco Reguzzoni cede il posto a Davide Caparini. Dopo l’elezione l’Ufficio di presidenza deciderà  il calendario che vede ai primi posti la nomina di sette dei nove membri del Consiglio di amministrazione della Rai scaduto nel giugno scorso. Compito della Vigilanza anche la ratifica con voto a due terzi del presidente indicato dal Ministero del Tesoro.(ANSA).
STF/ S0A QBXB

Comments are closed.