‘Libero’: Con arresto editore ci vogliono imbavagliare

‘Libero’: Con arresto editore ci vogliono imbavagliare

Feltri: Sarei pressato e lobbista. A mia insaputa

Roma, 5 feb. (Apcom) – Vogliono “imbavagliare” Libero: il quotidiano di proprietà  della famiglia Angelucci titola così gli arresti domiciliari per Giampaolo Angelucci e la richiesta di autorizzazione a procedere per il padre, il parlamentare del Pdl Antonio Angelucci: “Attacco all’informazione”.

“Mi domando su quali elementi si basi l’ordinanza di arresto che afferma la nostra arrendevolezza, o sudditanza, nei confronti degli Angelucci”, scrive il direttore Vittorio Feltri in un editoriale del giornale oggi in edicola. “Sarei pressato e lobbista. Ovviamente a mia insaputa”, Afferma Feltri, che augura al “caro amico” Giampaolo e a suo padre Antonio “di uscire ancora a testa alta e con le ossa integre da questo tritacarne”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari