TV: DIECI CANDELINE PER LA “MELEVISIONE”

TV: DIECI CANDELINE PER LA “MELEVISIONE”
07/02/2009 – 11:15 – SPETTACOLO

TV: DIECI CANDELINE PER LA “MELEVISIONE”

ROMA (ITALPRESS) – Da lunedi’ 9 febbraio arrivano su Raitre alle 16.30, all’interno di Trebisonda, le nuove, inedite avventure della Melevisione con Milo Cotogno, Lupo Lucio, Fata Lina, Strega Varana, Orco Manno, Principessa Odessa, e tutti gli altri personaggi che popolano il Fantabosco.
La Melevisione compie 10 anni, e la decima stagione comincia all’insegna della crescita: Odessa – la principessa del Fantabosco nota a tutti i bambini per la sua storia d’amore con l’eterno fidanzato Principe Giglio e per il suo carattere capriccioso – si ritrovera’ per un po’ reggente del regno in sostituzione di Re Quercia partito per una missione “salvafiabe”, e dovra’ fin dalla prima puntata fare i conti con nuovi compiti e nuove responsabilita’, che la aiuteranno a diventare piu’ saggia.
Crescera’ l’amicizia speciale tra Milo e Fata Lina, e nuove vicende, nuove storie, nuove canzoni, nuove scoperte accompagneranno la crescita dei piu’ piccoli.
Dieci anni di Melevisione vogliono dire tre generazioni di bambini che sanno tutto sulla “scivolizia”, conoscono la scuola “elementina” e i trucchi rocamboleschi di Lupo Lucio per scroccare il “tiramisuper”, amano uno per uno tutti gli abitanti del Fantabosco, capiscono il loro linguaggio strampalato, e, soprattutto, riconoscono nel loro mondo fantastico il proprio mondo. Dieci anni di Melevisione equivalgono a 1.600 puntate, 600 filastrocche, 178 canzoni, e tantissime storie raccontate da grandi che sanno narrare ai bambini, affinche’ crescano bene.
(ITALPRESS).
ads/com 07-Feb-09 11:15

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi