MODA: MILANO VENDE MODA CAMBIA E PUNTA SULL’ ALTA QUALITA’

SPE:MODA
2009-02-10 16:22
MODA: MILANO VENDE MODA CAMBIA E PUNTA SULL’ ALTA QUALITA’
MILANO
(ANSA) – MILANO, 10 FEB – Rilanciare la vetrina del pret-a-porter femminile dando risalto ai prodotti di alta qualità : è con questo obiettivo che il salone Milano Vende Moda cambierà  volto da settembre, quando dovrebbe presentarsi anche con un nuovo nome. “Porteremo avanti un intervento radicale di sviluppo – spiega Corrado Peraboni, amministratore delegato di Fiera Milano Expocts, che organizza la mostra – con un investimento aggiuntivo di 1,5 milioni di euro”. Quattro anni il tempo di realizzazione del piano, i cui cardini saranno una maggiore selezione del prodotto esposto, più investimenti in comunicazione all’estero, integrazione con il web e una nuova location, il padiglione 3 del Portello, dove la mostra si sposterà  già  da febbraio. Oltre ad andare incontro al mercato, “il cambiamento – commenta l’ad di Fiera Milano Spa Claudio Artusi – vuole anche offrire un segnale di fiducia per le aziende, in un periodo di crisi come quello attuale”. Intanto l’edizione invernale della mostra, in programma dal 27 di questo mese al 2 marzo, sarà  una transizione verso il nuovo corso, all’insegna dei toni neutri anche nell’allestimento in bianco e nero, spiegano gli organizzatori, “per azzerare tutto e ripartire a settembre”. Saranno 200 le collezioni presentate per l’autunno/inverno 2009/2010 in due macro aree espositive, la prima dedicata alla moda ‘trasversale’, che attraversa lo stile sportivo, mondano, business, e la seconda all’eleganza e al dettaglio prezioso. Spazio anche ai nuovi talenti nell’area ‘The Street’. (ANSA).
YNA-GGD/ S0B S41 QBXH

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Liberare le frequenze sopra i 700 Mhz entro il 2020 dai segnali tv. Le mosse dell’Unione Europea per apire il mercato al 5G