INTERNET: MICROSOFT, TAGLIA DA $250.000 SU AUTORI SUPERVIRUS

INTERNET: MICROSOFT, TAGLIA DA $250.000 SU AUTORI SUPERVIRUS
ROMA
(ANSA) – ROMA, 13 FEB – Wanted! Untore cibernetico ricercato: il colosso informatico americano Microsoft ha offerto una taglia di 250.000 dollari (194.000 euro circa) a chi fornirà  indicazioni utili a rintracciare e perseguire penalmente i creatori e diffusori del micidiale supervirus Downadup/ Conficker, che ha già  infettato milioni di computer in tutto il pianeta. “Le persone che hanno creato questo virus devono essere perseguite”, ha dichiarato, citato dal sito online della Bbc, George Stathakopulos, dirigente della Microsoft Trustworthy Computing Group, secondo cui la sua compagnia “non è disposta a stare a guardare mentre questo tipo di attività  passa inosservata”. “Il nostro messaggio è molto chiaro: chiunque abbia programmato questo (virus) ha causato danni significativi ai nostri clienti e stiamo diffondendo il messaggio che faremo qualunque cosa pur di aiutare a prendere il responsabile”, ha aggiunto Stathakopulos sulla Bbc. Il Conficker è un programma in grado di autoreplicarsi, che riesce a infilarsi fra le maglie dei computer o dei network che non siano aggiornati con gli ultimi programmi antivirus della Microsoft. Può passare da un computer all’altro o attraverso connessioni online o nascondendosi in penne di memoria Usb, attraverso le quali possono insediarsi in altri computer. Una volta annidato nel computer ospite ne trasmette i dati a un misterioso dominio attraverso un complicato codice criptato che le compagnie antivirus non sono riuscite ancora a decodificare. Il dominio spedisce poi i dati agli hacker. Microsoft confessa di non conoscere ancora gli scopi dei creatori del virus Conficker, ma raccomandano l’uso del programma di difesa Ms08-067.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti