Tv: a buon punto passaggio digitale, completo in 5 Stati Ue

Tv: a buon punto passaggio digitale, completo in 5 Stati Ue

BRUXELLES (MF-DJ)–L’Europa e’ leader nel mondo per quanto riguarda il passaggio dalla televisione analogica a quella digitale. Nel complesso, informa una nota, l’abbandono della trasmissione Tv terrestre analogica in Europa e’ a buon punto ed e’ gia’ stato completato in 5 Stati membri: Germania, Finlandia, Lussemburgo, Svezia e Paesi Bassi, mentre entro il 2010 il processo dovrebbe essere in fase avanzata in tutta la Ue. Il termine per la Ue del 2012 dovrebbe essere rispettato da quasi tutti gli Stati membri.

“Un numero sempre crescente di cittadini europei beneficia della TV digitale. Diversi Stati membri della Ue sono chiaramente leader mondiali nel passaggio dalla Tv terrestre analogica a quella digitale”, e’ quanto dichiarato da Viviane Reding, commissaria Ue per le telecomunicazioni e i media. “L’Europa nel suo complesso sta operando questo passaggio secondo i piani ed e’ in fase avanzata, soprattutto rispetto ad altri paesi. Sono certa che nei prossimi due anni altri paesi della Ue si uniranno al primo gruppo dei paesi passati all’era digitale. Cio’ significa che una quota importante di spettro sara’ disponibile per nuovi servizi televisivi e senza fili – se l’Europa adotta rapidamente le decisioni giuste. Decisioni coordinate sull’uso del cosiddetto dividendo digitale sono fondamentali per una rapida ripresa economica dell’Europa.”

Le trasmissioni della Tv terrestre digitale sono gia’ state introdotte in 21 Stati membri: Austria, Belgio, Bulgaria, Repubblica ceca, Danimarca, Germania, Estonia, Grecia, Spagna, Francia, Ungheria, Italia, Lituania, Lussemburgo, Lettonia, Malta, Paesi Bassi, Finlandia, Svezia, Slovenia, Regno Unito, e coprono parti del territorio nazionale. Altri 5 Stati membri: Cipro, Irlanda, Polonia, Portogallo e Slovacchia, hanno annunciato che l’offerta di servizi digitali avra’ luogo entro il 2010. La Romania non ha ancora definito i propri piani.

Nel mondo, invece, gli Usa hanno rinviato al 12 giugno 2009 l’abbandono della Tv terrestre analogica, il Giappone si e’ prefisso la scadenza del luglio 2011, la Corea del Sud la fine del 2012, l’Australia il 2013, l’India e la Russia il 2015.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi